nissan-ariya-first-drive

NISSAN ARIYA: IL NUOVO CROSSOVER ELETTRICO

Il design è una priorità per Nissan nello sviluppo di ogni suo modello. Con l’avvento dell’elettrico, molte case automobilistiche hanno dovuto rivedere la propria filosofia relativa all’aspetto estetico delle auto: così è stato anche per la stessa Nissan, che ha visto però ripagato il lavoro fatto con Ariya.

Il SUV 100% elettrico giapponese ha ricevuto infatti due riconoscimenti per il suo design:
l’iF Design Award e il Red Dot Award, istituti rispettivamente nel 1954 e 1955, due tra i più prestigiosi premi mondiali di design.

Un altro premio meritato per un’auto elettrica dal design e contenuti originali, Nissan Ariya conquista anche il titolo di Migliore Auto Aziendale di Media Dimensioni.

La giuria di Auto Express ha giudicato positivamente il design moderno ed elegante della vettura, le sue prestazioni interessanti ma anche e soprattutto l’autonomia, la cinque porte giapponese riesce a percorrere oltre 530 km con una sola ricarica energetica.

L’estetica di Ariya è caratterizzata da un frontale imponente, con i nuovi fari a LED che disegnano la tipica V Motion dei modelli Nissan. Il profilo è definito da linee tese e dal tetto spiovente che incrementano il senso di dinamismo e sportività.

Nel posteriore, le luci corrono per tutta la larghezza e lo spoiler segue la linea del tetto. Avvicinandosi alla vettura, le porte si aprono automaticamente, le luci si accendono e il logo Nissan si illumina.

Tutto grazie alla chiave intelligente nella quale sono memorizzate anche le posizioni del volante, del sedile e della console centrale che si settano automaticamente salendo a bordo.

Ariya è anche un modello con il quale Nissan intende alzare l’asticella del prestigio proponendo una gamma di modelli dai contenuti “importanti” sia dal punto di vista dell’equipaggiamento sia del livello tecnologico, a conferma dell’importanza che la Casa di Yokohama attribuisce alle vetture a propulsione elettrica.

Frontale imponente, Ariya, trasmette grande dinamicità e sportività grazie al suo tetto basso, linee filanti e cerchi da 20″ (optional).

Nissan Ariya è la risposta alle aspirazioni e alle esigenze dei clienti di oggi. Combinando i punti di forza nei veicoli elettrici e nei crossover, Ariya segna il passo alla nuova era di Nissan che sarà all’insegna di prestazioni brillanti, tecnologie di connettività e design rivoluzionario.

Potenza, autonomia e connettività sono le parole chiave di questo nuovo Crossover elettrico.

Contattaci subito per prenotare la tua visita in concessionaria e richiedere il tuo preventivo personalizzato per la tua nuova Nissan Ariya full-elettric.

Mechanic dressed in protective overalls and rubber gloves releasing painting spray from gun to car

Come scegliere la verniciatura giusta dell’auto?

Quando si tratta di scegliere il colore adatto per un’auto nuova, o per un’auto in fase di verniciatura, non bisogna pensare unicamente ai gusti personali oppure alle tonalità che vanno più di moda. Non tutti sanno che ci sono alcuni criteri di valutazione oggettiva di cui tenere conto: i colori che attirano maggiormente il calore del sole, verniciature che nascondono meglio polvere e sporco sulla carrozzeria ed infine, colori che, addirittura, a livello psicologico, per loro natura, assicurano una maggiore sicurezza. 

Per la scelta del colore ideale bisogna, pertanto, puntare ad un giusto compromesso tra preferenze personali e consigli pratici.

Tra i colori più “comuni”, anche perché molto proposti dalle case automobilistiche, abbiamo il solito grigio metallizzato e il bianco perla, nelle loro diverse sfumature. Ma vediamo meglio quali sono i fattori di cui tenere conto, in precedenza brevemente citati:

  • Gusto personale: il fattore che ha una rilevante influenza nella scelta della vernice dell’auto è sicuramente la personalità. Mentre il bianco rappresenta purezza, semplicità e rinascita, il nero indica fascino e mistero, tipico colore di chi vuole passare inosservato sulla strada. Il rosso è energia con però un suo rovescio della medaglia: da un lato porta ottimismo ed eccentricità, ma dall’altro lato attira a sé pericoli. Il verde indica ottimismo e sicurezza, il grigio ispira lealtà ed affidabilità ed infine il blu viene associato all’ordine ed eleganza.
    Colori meno puntati dagli automobilisti sono invece: il giallo, adatto alle auto sportive e poco indicato per le berline, è piuttosto difficile da abbinare allo stile degli interni. Il beige o il marrone danno l’idea di infelicità e noia.

 

  • Estetica: Mentre i colori chiari, come bianco e grigio, difficilmente tendono a stufare e nascondono meglio eventuali graffi presenti sulla carrozzeria, le verniciature scure evidenziano maggiormente i difetti della carrozzeria e tendono a sporcarsi maggiormente. E’, inoltre, risaputo che i colori scuri attirano calore esterno molto più di quanto lo attirano le tonalità chiare.

 

  • Sicurezza: Può sembrare strano ma, secondo le statistiche, le vetture dalla verniciatura rossa sono maggiormente coinvolte in incidenti stradali e sono altresì le più suscettibili di controllo da parte dell’autorità stradale. Al contrario, il bianco e l’argento sono molto visibili negli orari notturni e permettono quindi di evitare sinistri.

 

Quindi, come scegliere il colore della verniciatura?

Arrivati a questo punto dell’articolo, bisogna considerare un ulteriore fattore non incluso nella lista precedentemente esposta: il costo.

Il rosso, non solo è considerato poco prudente, ma anche costoso. Come già anticipato, è statisticamente provato che il suddetto colore sia spesso coinvolto, se non causa, in molti incidenti. Per questa ragione, alcune compagnie di assicurazione richiedono premi più elevati per colori più rischio come il rosso e invece premi più bassi per quelli più sicuri come il bianco e il grigio.

Vi consigliamo, al fine di rendervi pienamente soddisfatti della vostra scelta, di evitare il rosso e di orientarvi su tinte più sobrie come il bianco o il grigio.

Per di più, la scelta non ricade solo sul colore, ma anche su altri elementi importanti come gli interni della vettura, i cerchi in lega, i sedili e coprisedili: una tinta scura fa apparire più piccolo il cerchio mentre una chiara lo ingrandisce. Le tonalità dei coprisedili devono essere in perfetta sintonia con la vernice della carrozzeria, altrimenti si rischia di scegliere un’auto poco gradevole alla vista.

Per maggiori consigli ed indicazioni rivolgiti ad Automaster: il nostro team di professionisti è sempre a tua disposizione!

A modern electrical fast charger for the electrical or hybrid PHEV automobiles. An Energy power of future. Ecology friendly charger concept. Home electric car battery charger

Check-up auto elettrica prima di partire: guida ai controlli da fare

In un precedente articolo, vi abbiamo raccontato quali sono gli step fondamentali per assicurarsi un viaggio in auto in tutta sicurezza.
Anche le auto elettriche, o i modelli ibridi ricaricabili, devono essere esaminati prima di mettersi sulla strada per un lungo viaggio in auto.

A differenza di una vettura dal motore a combustione interna, la manutenzione di un’auto elettrica è molto più semplice e veloce perché sprovvista di alcuni componenti come, per esempio, la cinghia di trasmissione, carburante otturato né alcun cambio d’olio.

Eppure, come la vettura endotermica, l’auto elettrica presenta alcuni degli elementi soggetti ad usura. Componenti che, dunque, vanno sottoposti a necessari interventi di verifica e manutenzione.

 

  •       Verifica dell’efficienza della batteria.
  •       Controllo della trasmissione.
  •       Manutenzione dell’impianto frenante.
  •       Controllo di pressione e usura degli pneumatici.
  •       Verifica del condizionatore.
  •       Check-up del sistema di illuminazione.
  •       Ispezione dei dispositivi di ricarica.
  •       Stato di usura delle spazzole tergicristalli.

 

Non avendo il motore a combustione, e quindi non richiedendo controlli ordinari ai filtri, olio a motore e quant’altro, per i modelli puramente elettrici la manutenzione si focalizza sulla parte elettronica di trasmissione e sull’impianto frenante.

Per quanto riguarda i veicoli ibridi, la manutenzione non si discosta molto da quella alle vetture con motore a combustione, in quanto i primi ospitano sia le batterie per autonomia elettrica, sia il motore a combustione.

Diversamente dalle altre auto, tuttavia, è indispensabile fare un itinerario di viaggio che comprenda, durante il tragitto, le stazioni di rifornimento specifiche per i veicoli elettrici.

Rivolgiti all’officina Automaster per un check-up totale alla tua auto elettrica.

Shot of car ready for summer vacation

Partire per un viaggio in auto: cosa va controllato?

9 check-up importanti da fare prima di affrontare un lungo viaggio in auto

La calda stagione finalmente è arrivata, così come è giunto il tanto atteso momento di partire per un viaggio. Tuttavia, prima di mettersi in moto, è estremamente importante effettuare una serie di controlli alla vettura perché il viaggio si svolga nella massima sicurezza e che le condizioni del veicolo siano idonee ad affrontare un lungo tragitto.

Dunque, per evitare sgradevoli inconvenienti durante il percorso, le verifiche necessarie da effettuare sono:

  • Verifica dei liquidi

In cima alla lista degli interventi da eseguire prima di partire, per una corretta manutenzione dell’auto, troviamo la verifica dei liquidi: un check-up dell’olio motore e dei liquidi di raffreddamento, dei tergicristalli, dei freni e del servosterzo, per verificare che i livelli siano adeguati, è essenziale per assicurare il corretto funzionamento del veicolo.

  • Controllo degli pneumatici

Verificare che gli pneumatici siano integri è indispensabile per la sicurezza del conducente e dei passeggeri, in particolar modo nella stagione estiva in cui, a causa delle alte temperature, le gomme sono soggette a naturali modifiche a causa dello stress termico.

  • Revisione dei freni

Non bisogna mai sottovalutare il controllo del sistema dei freni, pertanto è necessario rivolgersi a un meccanico specializzato in quanto, un check-up del genere, può rivelarsi complesso ma allo stesso tempo fondamentale per evitare di ritrovarsi in situazioni potenzialmente pericolose.

  • Test di luci e fari

Un controllo che, invece, non richiede l’intervento di esperti è sicuramente l’ispezione dei fari e delle luci. Il Codice della Strada ci ricorda che è obbligatorio tenere accesi gli anabbaglianti anche di giorno, sulle strade extra urbane e in autostrada, ergo è necessario appurare che tutti i fari siano funzionanti, incluse le luci di posizione e gli abbaglianti.

  • Controllo della ruota di scorta

Un componente che non può assolutamente mancare prima di mettersi in moto è la ruota di scorta: essa va sottoposta allo stesso controllo dell’integrità degli pneumatici.

  • Esame dei documenti

Tra i controlli dell’auto da fare prima di partire non può certamente mancare la verifica dei documenti del veicolo e la patente di guida. Bisogna accertarsi che tutto sia in regola, ovverosia che non siano state trascurate le scadenze della revisione o del bollo auto, oltre ovviamente al rinnovo dell’assicurazione RCA obbligatoria.

  • Verifica dei kit di emergenza

E’ vivamente consigliato, oltre alla manutenzione del veicolo, fare un check-up del kit di emergenza o provvedere ad acquistarne uno presso un rivenditore, qualora dovesse mancare, insieme al kit di pronto soccorso di base per tenersi pronti a qualsiasi evenienza.  

  • Pulizia dei filtri

Per garantire un corretto funzionamento del motore, prima di affrontare un lungo viaggio, è opportuno effettuare un controllo ai filtri. In particolare, bisogna verificare lo stato dei filtri dell’aria, dell’olio e del carburante, che possono essere semplicemente puliti se tenuti in buono stato, in caso contrario vanno sostituiti.

  • Revisione della batteria

Un ultimo intervento di manutenzione da fare è il test della batteria, nello specifico un esame della carica della suddetta, per evitare lo spiacevole inconveniente della batteria scarica. Per testarla è sufficiente un multimetro, strumento con cui è possibile analizzare la corrente elettrica, la resistenza e la tensione della batteria dell’auto.

 

In fin dei conti, sottoporre la propria vettura a una revisione prima di partire è la condizione necessaria per minimizzare i rischi. Contatta l’officina specializzata di Automaster per richiedere la tua revisione.

nissan-qashqai-

Nuovo Nissan Qashqai – Parte 2

Continuiamo il nostro racconto del Nuovo Nissan Qashqai iniziata nel nostro precedente articolo.

 

Trazione integrale intelligente con 5 modalità di guida

Viaggiare sicuri alla guida vuol dire avere il massimo controllo della vettura. Controllo possibile grazie alla trazione integrale intelligente che trasferisce la coppia alle ruote posteriori con la massima fluidità. Il Nuovo Qashqai, con 5 modalità di guida differenti, può aiutarti a trarre il massimo da qualsiasi situazione:

  • ECO MODE

Per aiutarti a percorrere più chilometri fra un rifornimento e l’altro, la modalità Eco Mode ottimizza motore, trasmissione e altre funzionalità per consentirti di guidare in modo più efficiente.

  • NORMAL MODE

La Normal Mode è un ottimo bilanciamento fra prestazioni ed efficienza nei consumi, e offre un’esperienza di guida piacevole in qualsiasi situazione.

  • SPORT MODE

La modalità Sport offre una risposta del motore più rapida, simulando il cambio ad alti giri del motore, e con la trasmissione Xtronic effettua le cambiate a regimi più alti del motore.

  • SNOW MODE

La modalità Snow modifica la mappatura della risposta dell’acceleratore e la messa a punto della trasmissione, per offrire una migliore aderenza e ridurre lo slittamento. Il sistema a trazione integrale intelligente interviene anche in partenza agendo su tutte e quattro le ruote.

  • OFFROAD MODE

La Modalità Offroad potenzia la trazione e garantisce maggiore controllo regolando la gestione della risposta dell’acceleratore, della trasmissione Xtronic e del sistema di trazione integrale intelligente, per offrire prestazioni di livello assoluto.

 

La motorizzazione Mild Hybrid

Nuovo Qashqai offre la nuova motorizzazione Mild Hybrid che sfrutta l’esperienza di Nissan nel campo dei veicoli elettrici per offrirti prestazioni emozionanti, contenendo le emissioni di CO2. Un ibrido leggero dimostra che anche in un crossover l’efficienza nei consumi non compromette il divertimento alla guida, ma lo esalta. Il sistema Mild Hybrid è dotato di una batteria agli ioni di litio che immagazzina l’energia recuperata durante la frenata. 

La potenza accumulata consente al motore endotermico di spegnersi a bassa velocità (inferiore a 30 km/h) o in caso di arresto migliorando l’efficienza dei consumi e ridurre le emissioni complessive di CO2. 

 

Le auto Mild Hybrid usano un motore a benzina supportato da una batteria al litio per dare energia alle ruote. La tecnologia Start & Stop aumenta l’efficienza spegnendo il motore quando l’auto si muove per inerzia, o quando il piede è sollevato dal pedale a una velocità inferiore ai 18 km/h con il cambio automatico, riducendo emissioni e costi di esercizio.

Si ricarica durante la guida

La potenza Mild Hybrid offre un miglioramento complessivo dell’efficienza grazie al sistema intelligente di recupero di energia. Mentre l’auto è in movimento e sta rallentando, l’energia cinetica viene catturata e usata per ricaricare la batteria.

Permette di fare una pausa al motore

Con la frenata a recupero di energia, viene sfruttata al meglio l’energia che potrebbe normalmente causare l’usura delle pastiglie dei freni. Se l’auto è in folle oppure si muove solo per inerzia, la batteria assume il controllo e alimenta l’equipaggiamento elettrico dell’auto, in modo che il motore possa spegnersi più spesso, migliorando così l’efficienza nei consumi.

Facilita l’accelerazione

L’energia accumulata nella batteria offre una spinta supplementare durante l’accelerazione, creando un’esperienza di guida più reattiva e alleggerendo ulteriormente il carico sul motore.

Nessun cambiamento della tua routine quotidiana

Non è del tutto vero che un’auto Mild Hybrid non comporta alcuna differenza per la tua guida: è più reattiva, più efficiente e più comoda nel traffico cittadino. Ma non dovrai preoccuparti della ricarica o dell’autonomia: potrai fare rifornimento come al solito.

Costi di esercizio ridotti

Rispetto ai tradizionali motori a benzina i modelli Mild Hybrid acquisiscono efficienza grazie all’utilizzo dell’energia cinetica generata durante la guida e la frenata per ricaricare la batteria. Con la spinta elettrica supplementare durante l’accelerazione, e la tecnologia Start & Stop per spegnere il motore quando l’auto si muove per inerzia o quando il pedale acceleratore è sollevato a velocità inferiori a 18 km/h nei modelli con cambio automatico, noterai un risparmio nei costi per il carburante.

Maggiore efficienza, emissioni ridotte

Grazie all’assistenza della batteria, il motore non deve funzionare al massimo per fornire un’accelerazione fluida e percorrere i tratti di strada in salita. Inoltre, il motore si spegne quando non viene utilizzato, il che contribuisce a una guida più rilassante, a un minor utilizzo del carburante e a emissioni ridotte.

 

Per compensare l’aumento di peso ottenuto dal sistema Mild Hybrid, portiere, cofano e parafanghi sono stati realizzati in lega di alluminio così da ottimizzare il peso complessivo del Nuovo Nissan Qashqai.

nuovo-nissan-qashqai-2021-ibrido-connesso-tecnologia-e-power-speciale-v4-52036-900x900

Nuovo Nissan Qashqai – Parte 1

Il Nuovo Qashqai con le sue linee eleganti, la distintiva illuminazione a LED e raffinati cerchi in lega da 20″ ridefinisce nuovamente la visione di crossover. Abbiamo imparato ad apprezzarlo nell’arco dello scorso anno grazie ad una lunga promozione per il lancio sul mercato. Un lancio accolto con calore dal mercato che ha premiato la voglia della Nissan di alzare nuovamente l’asticella. 

Diamo qualche specifica:

  • Lunghezza totale 4425 mm
  • Altezza totale 1625 mm
  • Larghezza totale 2084 mm
  • Passo 2665 mm
  • Sotto la cappelliera 504 l
  • Bagagliaio con seconda fila sedili reclinata 1.593 l
  • Spazio bagagliaio max. larghezza 110 cm
  • Profondità 86,9 cm

Con queste caratteristiche il Nuovo Qasqai si riconferma il crossover perfetto per la famiglia, per chi si sposta spesso per piacere o per lavoro o per chi, semplicemente, vuole un veicolo da città capace di destreggiarsi anche su lunghe tratte con una capienza perfetta per ogni esigenza. 

Il Nuovo Qasqai però non è solo spazio e design ma anche innovazione e sicurezza. Vediamo alcune delle caratteristiche che lo rendono unico.

NISSAN INTELLIGENT MOBILITY

Garantisce una guida più connessa e più sicura. Avrai più controllo e più assistenza alla guida, proprio quando serve.

Ora potrai guidare con meno stress e più tranquillità. ProPILOT con NAVI-Link non solo ti aiuta a mantenere la distanza di sicurezza preimpostata e a rimanere al centro della corsia, ma si avvale anche delle mappe TomTom® integrate affinché il sistema rilevi in anticipo le curve, gli svincoli e le uscite, regolando l’andatura per una guida più fluida.

DISPLAY 2.0 E FUNZIONE HEAD-UP

Il quadro della strumentazione di Nuovo Qashqai da 12,3″ ti offre un’ampia varietà di personalizzazioni. Integra le mappe. Aggiungi i menu. Posiziona le informazioni in modo che sia impossibile non notarle. Tutto in un’estetica elegante, grazie allo sfondo ispirato al vetro Kiriko giapponese.

Inoltre, grazie alla finzione Head-Up puoi controllare tutto senza distogliere lo sguardo dalla strada e vedere davanti a te: velocità, segnaletica stradale, indicazioni per la navigazione, informazioni dal sistema infotainment e altro ancora.

FARI LED ADATTIVI 

Ciascuno dei fari abbaglianti di Nuovo Qashqai è diviso in 12 segmenti di luce controllati singolarmente. Per evitare di abbagliare i veicoli provenienti in senso opposto, il sistema può accendere o spegnere singolarmente ciascun segmento.

VASTA GAMMA DI SERVIZI INTELLIGENTI PER UNA GUIDA PIù SICURA

Il sistema anti-collisione e la visuale a 360° ti permette di controllare le auto davanti e dietro a te e di evitare impatti con pedoni, ciclisti, altri veicoli o eventuali ostacoli e, inoltre, ti avvisa in caso ci sia un cambio corsia involontario

Ma non solo, il nuovo Qasqai è personalizzabile e presenta accessori, optionals e finiture adatte a personalizzarla e renderla tua! Te ne parleremo presto in un prossimo articolo. 

 

20-nissan-Leaf-hero-front-with-city-background-20tdieulhdpace101.jpg.ximg.l_full_m.smart

Veicoli Elettrici Nissan

Per molti la mobilità elettrica è ancora un mondo molto lontano, probabilmente perché non siamo ancora abituati a questo tipo di innovazione.

Anni di veicoli con motori diesel o benzina, hanno portato i più ad abituarsi all’idea per cui i veicoli a benzina o a diesel siano i più sicuri in assoluto, ma non è sempre così.
Certamente i motori “classici”, per così dire, hanno molti vantaggi relativi principalmente al loro utilizzo quotidiano e ai continui aggiornamenti che le case automobilistiche portano, anno dopo anno sul mercato, ma, la stessa attenzione all’innovazione è dedicata anche ai veicoli elettrici.

I veicoli elettrificati sono certamente le auto del futuro.

Oltre al chiaro vantaggio di essere ottime in termini di impatto ambientale, perché, nella maggior parte dei casi, privi di alcuna combustione, le auto elettriche o ibride, permettono una giuda confortevole, offrendo una soluzione silenziosa ed economica

Scopriamo come funzionano. Innanzitutto c’è da fare una precisazione: esistono veicoli 100% elettrici e veicoli ibridi.

Nel primo caso, i  veicoli elettrici sfruttano l’elettricità immagazzinata nelle batterie ricaricabili ad alta tensione per alimentare un motore elettrico. Il motore trasforma quindi l’energia elettrica in movimento per permetterti di guidare il veicolo. In questo tipo di vetture i vantaggi sono tecnologici, ecologici, sociali, economici e, in più, ci si avvantaggia del brivido di un’accelerazione fluida e istantanea. E non solo: grazie al programma EV CARE hai servizi esclusivi dedicati.

Tra le auto Nissan di questa categoria, sono disponibili la LEAF ed ARIYA, una citycar e un crossover, entrambi 100% elettrici.

Per conoscere altri vantaggi leggi il nostro precedente articolo https://www.automastersrl.it/perche-scegliere-lelettrico/ 

Nel caso delle auto ibride, invece, si tratta del modo più semplice per passare all’elettrico. Un motore a benzina alimenta le ruote mentre una batteria elettrica offre supporto durante la guida. Questo comporta un notevole miglioramento nell’efficienza nei consumi e una guida più confortevole, in particolare in situazioni di traffico poco scorrevole.

Alcuni esempi?  Il nuovo Nissan Qashqai, La migliore definizione possibile di crossover, è disponibile anche in versione Mild Hybrid.

Sebbene rappresentino ancora una percentuale limitata rispetto al numero complessivo di veicoli (quasi un’auto su 10 immatricolata nel 2021 in Italia è elettrica ricaricabile), i dati sono favorevoli e il numero di automobilisti che preferisce un sistema più green è in aumento. 

Per saperne di più contattaci, i nostri esperti sapranno presentarti tutti i vantaggi esclusivi per te e sapranno consigliarti la soluzione migliore per le tue esigenze.

Business woman holds her hand on the gear selector automatic transmission

Cambio automatico e manuale – cosa cambia?

Negli ultimi anni, le auto con il cambio automatico hanno spopolato sempre più, raggiungendo una notevole fama, ma è davvero la scelta più giusta per chiunque?
In questo articolo andremo ad analizzare i pro e i contro dell’utilizzo di entrambi i sistemi di cambio di marce. 

Il cambio manuale è, di solito, almeno per quanto riguarda le auto europee, è è già presente nell’automobile, mentre quello automatico è un optional che può essere aggiunto. 

In passato, un errore molto comune è sempre stato quello di credere che il cambio automatico sia più adatto a guidatori meno esperti perché permette di effettuare un cambio di marcia in pochissimi millesimi di secondo senza l’utilizzo della frizione.

In realtà il cambio automatico, per quanto sia fisicamente “meno impegnativo”, perché non c’è bisogno dell’utilizzo della frizione per cambiare la marcia, richiede comunque un ottimo controllo della propria vettura. 

Le auto dotate di questo tipo di cambio hanno, infatti, solo due pedali, l’acceleratore e il freno e, la leva del cambio, presenta alcune lettere:

  • P – trasmissione bloccata;
  • D – gestione automatica;
  • N – folle;
  • R – retromarcia.

Per partire, si deve tenere il piede sul pedale del freno e mettere il cambio in posizione D, lasciando andare poi gradualmente il pedale per mettere l’auto in movimento. Dopo di che si può regolare la velocità semplicemente con il pedale dell’acceleratore, senza dover cambiare marcia.

Uno dei vantaggi da non sottovalutare dell’utilizzo di un’auto con il cambio automatico è la riduzione dei consumi fino al 10% rispetto a una con il cambio manuale; in questo modo verrebbero ridotte anche le spese per il rifornimento e, soprattutto, le emissioni inquinanti. 

 

D’altra parte, il costo delle auto con cambio manuale è decisamente più inferiore rispetto a quelle con cambio automatico e non richiedono un controllo sistematico con costi aggiuntivi. 

Il cambio manuale, a differenza di quello automatico che è sicuramente più adatto a una guida principalmente cittadina, è indicato per chi guida maggiormente in percorsi misti permettendo di poter controllare l’andamento della guida in ogni fase del percorso. 

 

In un mondo in continua evoluzione, però, non è da escludere del tutto la possibilità che il cambio automatico prenda il sopravvento con il passare degli anni. 

Hands of a mechanic wearing blue gloves working on a car engine with a spanner in a concept of maintenance and repair

Manutenzione ordinaria e straordinaria della propria auto

Come mantenere efficiente e sicura la propria vettura

Dopo l’acquisto di una nuova auto, la manutenzione è uno degli aspetti più importanti e spesso più sottovalutati. Fattore che si riflette direttamente sull’efficienza del veicolo, sia con riferimento alle prestazioni che ai consumi e, soprattutto, alla sicurezza. Senza dimenticare che una corretta manutenzione può farci risparmiare parecchio prevenendo talvolta guasti costosi.

La differenza tra la manutenzione ordinaria e quella straordinaria risiede nel fatto che la prima è rivolta a ripristinare quelle parti della vettura soggette ad usura o consumo dovuti al normale utilizzo o al semplice trascorrere del tempo. Basti pensare al classico cambio delle lampadine, filtri, pastiglie dei freni, olio motore. Si tratta in effetti di un vero e proprio tagliando.

A differenza di questa, la manutenzione straordinaria è quella che viene effettuata in casi eccezionali o comunque meno frequenti e che, spesso, richiedono conoscenze maggiori o attrezzature particolari. Fanno parte di questa categoria, interventi come la sostituzione del cambio o di parti specifiche del motore. Spesso si tratta anche di riparazioni effettuate a seguito di guasti ricorrenti, comuni a particolari modelli di veicoli. Esistono infatti una serie di guasti che avvengono in maniera ricorrente su determinati veicoli.

La differenza principale quindi può essere individuata nella maggiore o minore periodicità con cui viene effettuata la manutenzione. La manutenzione ordinaria comprende i tagliandi periodici previsti dal costruttore che servono a ripristinare l’efficienza ottimale del veicolo. La manutenzione straordinaria, invece, include le attività necessarie per risolvere guasti e anomalie di funzionamento relative a componenti meccaniche, elettroniche ed elettriche.

Una corretta manutenzione dell’auto è fondamentale per la sicurezza ed anche per rendere più longeva la propria vettura, anche se non tutti la svolgono nei giusti tempi. Ci sono due diversi tipi di manutenzione: quella ordinaria e quella straordinaria. Vediamo in cosa consistono le differenze, utili anche per verificare quali interventi coprono alcuni contratti, soprattutto legati al noleggio.

La manutenzione da ripetere periodicamente

La manutenzione ordinaria è quella da ripetere periodicamente, per mantenere efficiente la propria auto. Praticamente si tratta del tagliando e di quelle operazioni comunque piuttosto semplici, come il cambio di una lampadina, il cambio dell’olio o dei filtri ed alcune verifiche su freni e pneumatici.

Ogni quanto va fatta?

Viene scritto sul libretto di manutenzione della propria auto, solitamente viene effettuata ogni 15.000 o 20.000 chilometri. Aumentando eventualmente la frequenza, quando l’auto diventa più vecchia e quindi un po’ più soggetta ad eventuali problemi.

I problemi più seri e costosi

La manutenzione straordinaria è legata agli interventi una tantum da effettuare sul proprio veicolo, in caso di problemi o malfunzionamenti, per sostituire pezzi usurati o danneggiati. Come ad esempio, la cinghia di distribuzione, i dischi della frizione, il cambio oppure interventi sul motore.

Si tratta di operazioni non previste ed anche piuttosto costose, ma obbligatorie per viaggiare in sicurezza e senza il rischio di restare a piedi. Tuttavia, rispettando le scadenze della manutenzione ordinaria, questi problemi sono meno frequenti e la vettura ha un rendimento più efficiente e sicuro.

 

Per saperne di più, rivolgiti a concessionari o officine specializzate come la nostra.

Da Automaster srl troverai tutta la professionalità e l’attenzione di cui tu e il tuo veicolo avete bisogno.

ev-car-or-electric-car-at-the-charging-station-2021-12-09-07-26-59-utc

Vantaggi e svantaggi delle auto ibride

Le auto ibride stanno diventando sempre più popolari; di norma, si parla di ibrido quando al motore termico, benzina o diesel, viene affiancato il lavoro di un altro motore-generatore elettrico per creare, appunto, una propulsione ibrida. I vantaggi sono molteplici e sono principalmente legati a una maggiore efficienza nell’uso dei combustibili e a un minore impatto ambientale, che è quello di cui abbiamo bisogno per ridurre la nostra impronta di carbonio nel mondo.

Ma quali sono i vantaggi e quali gli svantaggi di queste auto?

I vantaggi che fornisce l’acquisto di un’auto ibrida sono: 

  • Rispetto dell’ambiente

Uno dei maggiori vantaggi di un’auto ibrida rispetto a un’auto con motore a combustione è l’utilizzo del motore elettrico fino a certi limiti che emette molta meno Co2, il che la rende più ecologica.

  • Sistema di frenata rigenerativa a supporto della batteria

Molti veicoli ibridi sfruttano la frenata rigenerativa, cioè ogni volta che avviene una frenata chiudendo il circuito, il rotore induce una forza elettromotrice nello statore, generando energia elettrica che viene immagazzinata in una piccola batteria dedicata nei veicoli mild-hybrid oppure nelle più capienti batterie di trazione dei veicoli full-hybrid, esso cattura l’energia rilasciata e la utilizza per ricaricare la batteria.

  • Possibilità di guida 100% elettrica con i veicoli plug-in hybrid

I veicoli ibridi plug-in possono funzionare in modalità 100% elettrica fino ad un certo chilometraggio. 

Questo è utile soprattutto in città, nel traffico, o quando non è necessario il massimo della potenza.

  • Incentivi auto ibride

Per poter usufruire del bonus acquisto auto, questa deve rientrare nella fascia di emissioni compresa tra 21 e 60 g/Km di CO2. 

Sono tanti gli incentivi dedicati (ecobonus, rottamazione…) per scoprirne, contattaci  

  • Bollo assicurativo

In media, è possibile risparmiare il 15% rispetto ad un modello a benzina.

 

… gli svantaggi:

  • Benefici limitati

I benefici delle auto ibride svaniscono se l’utilizzo della vettura è prevalentemente autostradale. In questo caso il motore elettrico viene disattivato oltre la soglia dei 50 Km/h, in modo da non sprecare le batterie in situazioni che non richiedono assistenza elettrica e così ci si porta dietro un peso extra che influirà sui consumi generali.

  • Prezzo di acquisto maggiore rispetto alle auto a solo motore termico

Il prezzo di acquisto è più alto rispetto ad un modello dotato di motore termico, ma grazie agli incentivi è possibile avvicinare il valore a quello di una vettura tradizionale.

  • Prestazioni inferiori rispetto al solo motore termico

Lo svantaggio principale di una auto ibrida è rappresentato dal peso maggiore rispetto ad un analogo modello dotato di solo motore termico, e questo comporta una minore dinamicità di guida.

 

Insomma, le auto ibride sono dei mezzi di trasporto dal valore eccezionale, perfette per chi vuole spostarsi agevolmente in città, spendendo poco e rispettando l’ambiente! Automaster srl, concessionario leader nella provincia di Avellino, grazie alla sua expertise di oltre 40 anni, offre servizi personalizzabili e su misura. Troverete sempre un team pronto, sin dalla fase dell’acquisto, vi assicureremo assistenza e professionalità per consigliarvi e seguirvi in ognuno di questi passaggi.